martedì 24 dicembre 2013

Quanno nascette ninno

Quel meraviglioso canto che ha avvolto sempre il nostro Natale sin da piccoli, per intere generazioni da oltre tre secoli, che è Tu scendi dalle stelle , lo abbiamo cantato, insegnato ai nostri figli, cantato in Chiesa, a casa davanti al presepe.
Canto tratto da Quanno nascette ninno scritto da quell'uomo geniale, Dottore della Chiesa, Vescovo, musicista,scrittore,poeta e pittore che fu Sant'Alfonso Maria de'Liguori.
Apprese i primi insegnamenti di pittura dal grande Francesco Solimena.
A soli dodici anni si iscrisse all'Università ed a 16 già praticava la professione d'avvocato, a trenta fu ordinato sacerdote e fondò la Congragazione del Santissimo Redentore..
Nacque a Napoli il 27 Settembre 1696 e morì a Nocera de' Pagani il 1° Agosto 1787. Le sue spoglie riposano nella bella Basilica a lui dedicata in Pagani (Sa).
Con questi splendidi versi auguro a tutti un Natale sereno e di pace e un pensiero particolare a quanti più colpiti dalla crisi economica hanno perso il lavoro, hanno difficoltà a mettere un piatto a tavola, ai carcerati, agli ammalati, agli immigrati, alle vittime della violenza e di tutte le guerre.
Che sia un giorno di Speranza per tutti, nessuno escluso.
                                                                                        voce : Pina Cipriani
Quanno nascette Ninno a Betlemme
era nott' e pareva miezo juorno.
Maje le stelle-lustre e belle
se vedèttero accossí:
e 'a cchiù lucente,
jette a chiammà li Magge alluriente



De pressa se scetajeno l'aucielle
cantanno de na forma tutta nova:
Pe' nsi' 'agrille-co' li strille,
e zombanno 'a ccá e 'a llá:
È nato! È nato!
decévano - lo Dio che nce ha criato! -
Francesco Solimena
 Natività, Lucerna, Galleria Fischer

Co' tutto ch'era vierno, Ninno bello,
nascettero a migliara rose e sciure
Pe' nsi' 'o ffieno sicco e tuosto,
che fuje puosto - sott'a te,
se 'nfigliulette
e de frunnelle e sciure se vestette
A no paese che se chiamma Ngadde,
sciurettero le bignè e ascette ll'uva.
Ninno mio sapuretiello,
rappusciello - d'uva si' Tu
ca, tutt'ammore,
faje doce 'a vocca e po' 'mbriache 'e core.
No nc' cerano nnemmice pe la terra,
la pecora pasceva co lione;
co o crapette - se vedette
o liupardo pazzeà;
l'urzo o vitiello,
E co lo lupo 'n pace o pecoriello.
Se rrevotaje 'n somma tutt' o Munno,
lu cielo, a terra, o mare, e tutt' i gente.
Chi dormeva - se senteva
'npiett' o core a pazzeà;
pe la priezza,
E se sonnava pace e contentezza.
Guardavano le ppecore i Pasturi,
e n' Angelo sbrannete cchiù d'o sole.
Comparette - e le dicette:
no ve spaventate no;
contento e riso:
la terra è arreventata Paraviso.
A buie è nato ogge a Bettalemme
du munno l'aspettato Sarvatore.
dint' i panni o trovarrite,
nu nipote - maje sgarrà,
arravugliato,
e dinto a lo Presebbio curicato.
A meliune l'Angiule calate
co chiste se mettenten' a cantare:
Gloria a Dio, pace 'n terra,
nu cchiù guerra - è nato già
lo Rre d'amore,
che dà priezza e pace a ogni core.
Sbatteva o core mpietto a ssi Pasture;
e l'uno 'n faccia all'auto diceva:
che tardammo? - Priesto, jammo,
Ca mme sento scevolì
pe lo golìo
che tengo de vedé sso Ninno Dio.
 Zombanno, comm'a cierve ferute,
correttero i Pasture a la Capanna;
là trovajeno Maria
co Giuseppe e a iogia mia;
e 'n chillo Viso
Provaieno no muorzo e Paraviso.

Restajeno 'ncantare a boccapierte
pe tanto tiempo senza dì parola;
Po jetanno - lacremanno
nu suspiro pe sfocà,
da dint' o core
Cacciajeno a migliaia atte d'amore.
Co a scusa de donare li presiente
se jetteno azzeccanno chiano chiano.
Ninno no li refiutaje,
l'azzettaje - comm' a dì,
ca lle mettette
le mmanne 'n capo e li benedicette.
Piglianno confedenzia a poco a poco,
cercajeno licenza a la Mamma:
se mangiajeno li pedille
coi vasille - mprimmo, e po'
chelle mannelle,
all'urtemo lo musso ei maschiarelle.
Po' assieme se mettettero a sonare
e a cantá co' ll'Angiule e Maria,
co' na voce - accossí doce,
che Gesù facette: a aa...
E po' chiudette
chill'uocchie aggraziate e s'addurmette.
"Viene suonno da lu cielo,
viene adduorme a sto Nennillo;
pe pietá ch'è piccerillo,
viene suonno e non tardá.
Gioja bella de sto core,
vorría suonno arreventare,
doce, doce pe' te fare
ss'uocchie bell' addormentá.
Ma si Tu, p'esser' amato
Te si' fatto Bammeniello,
Sulo Ammore è o sonnariello
che dormire Te pò fá


Ment'è chesto può fa nonna
pe Te st'arma è arza e bona
T'amo t'a...Uh, sta canzona
giá t'ha fatto addobbeá!"

T'amo Dio, bello mio
t'amo Gioja, t'amo, t'a'
Lo 'nfierno solamente e i peccature
'ncocciuse comm'a isso e ostinate
se mettettero appaura,
pecché a scura - vonno stá
li spurtagliune,
fujenno da lu sole, li briccune.
Io pure sóngo niro peccatore,
ma non boglio èsse cuoccio e ostinato.
Io non boglio cchiù peccare,
voglio amare - voglio stá
co Ninno bello
comme nce sta lo voje e l'aseniello.
Io non boglio cchiù peccare
voglio amare, voglio stá
co' Ninno bello
comme nce sta lo voje e ll'aseniello
A buje, uocchie mieje, doje fontane
avite a fá, de lacreme, chiagnenno
pe' lavare - pe' scarfare
li pedilli de Giesù;
chisá, pracato
decesse: Via, ca t'aggio perdonato.

 
Viato a me si aggio 'sta fortuna!
Che maje pozzo cchiù desiderare?
O Maria - speranza mia
ment'io chiagno, prega tu:
penza ca pure
sì fatta mamma de li peccature.




.

11 commenti:

  1. Bellissimo, che dolcezza! E' riuscita a capire anche una nordica...
    Grazie! Cristina

    RispondiElimina
  2. Grazie Antonio, bellissimo regalo di Natale!!!
    Benedetto

    RispondiElimina
  3. .










    Angela Talu
    bellissima poesia in musica e belle le tue parole.Auguri Antonio a te e alla tua famiglia

    RispondiElimina
  4. Olga Fedele Grazie
    Antonio, auguro buon Natale a te e famiglia

    RispondiElimina
  5. Vanda Carmela
    Auguri

    RispondiElimina
  6. Mariarosaria Lanziello
    augurissimi

    RispondiElimina
  7. Elio Minolfi
    Auguri per un felice Natale!

    RispondiElimina
  8. Anna Maria Isernia
    Augurissimi di un sereno Natale

    RispondiElimina
  9. Nicola Aveta
    caro antonio ti auguro tanta salute e serenità

    RispondiElimina
  10. Sciò Napoli
    Auguri di un serenissimo Natale !!!

    RispondiElimina
  11. Michele Morace
    ...i miei AUGURI li estendo a tutti i giorni del 2014!!! Che siano in salute , serenità ed allegria

    RispondiElimina